Escursioni scuole

Programmi di educazione ambientale all’Isola d’Elba e nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano

Le nostre proposte si suddividono in più temi:

  • Ecosistema marino
  • Ecosistema dunale
  • La macchia mediterranea
  • Il mondo dei minerali
  • Il mondo del granito
  • Il mondo contadino
  • L’ecosistema montano
  • L’ecosistema urbano
Pianosa

Per la buona riuscita del progetto è indispensabile un contatto diretto fra i docenti e le guide, precedente alla realizzazione dello stesso, tenendo comunque presente che il nostro concetto di educazione ambientale è basato sull’osservazione diretta dell’ambiente e che la parte didattica si svolgerà durante le escursioni.

Siamo in grado di fornire sia il pacchetto completo (programma escursionistico + traghetto + hotel) sia solo il programma escursionistico.

L’ecosistema marino

La marea
Dove: spiaggia di Galenzana, baia protetta all’interno dell’insenatura a ovest della spiaggia di Marina di Campo, caratterizzata da una vasta piattaforma rocciosa affiorante con la bassa marea
Cosa: ecosistema della zona di marea
Come: a piedi o in kayak

La posidonia
dove: lungo la costa occidentale dell’Isola d’Elba (o nel versante centro nord)
Cosa: il fondale roccioso, il fondale sabbioso, il posidonieto, pilastri dell’ecosistema marino costiero
Come: escursione a bordo del Nautilus, catamarano della società Aquavision attrezzato per la visione subacquea

La ricostruzione in vasca degli habitat marini
Dove: presso l’Acquario di Marina di Campo
Cosa: il più importante acquario italiano per numero di specie mediterranee
Come: in bus, la struttura si trova a breve distanza dal paese di Marina di Campo

L’ecosistema dunale

Dove: presso le dune della spiaggia di Lacona
Cosa: la morfologia dell’arenile, le sue costanti variazioni legate all’azione degli agenti atmosferici ed alle modifiche apportate dall’uomo,le caratteristiche dell’habitat dunale, le specie vegetali capaci di colonizzarlo
Come: a piedi

1) L’Isola di Pianosa
Escursione di intera giornata, con partenza da Marina di Campo in motobarca (circa 50 minuti) per conoscere le meraviglie geologiche e biologiche di questa piccola Isola, praticamente disabitata, che conserva anche un grande patrimonio storico ed archeologico.
Escursione: a piedi, in mountain bike, in kayak da mare.

La macchia mediterranea

1) Le piante della macchia
Dove: versante centro sud dell’Isola d’Elba, lungo il sentiero che da Lacona arriva su M.Tambone
Cosa:la vegetazione dunale della spiaggia di Lacona, le varietà vegetali della macchia mediteranea e la gariga del Monte Tambone,.
come: a piedi

2) Gli antichi coltivi
Dove: lungo un’antica via di comunicazione tra S.Piero e Seccheto, su un territorio che per secoli è stato occupato dalle coltivazioni
cosa: le modalità con cui la macchia mediterranea si riappropria del territorio, le proprietà tipiche di una vegetazione colonizzante con capacità di adattamento estremamente sviluppate
Come: a piedi

Il mondo dei minerali

1) La Miniera
dove: presso gli antichi cantieri a cielo aperto di Rio Marina (cantieri Vigneria e Bacino).
Cosa: i minerali del versante orientale dell’Isola d’Elba; imparare, con l’aiuto delle guide, a riconoscerne la varietà dalla forma, dalla durezza, dalla lucentezza e da altre forme di osservazione; gli strumenti, i macchinari, le tecniche e le tecnologie con i quali per secoli da questi cantieri è stato estratto il più importante tra i metalli
come: a piedi o in trenino

Il mondo del granito

1) La montagna di granito
dove: nei sentieri del parco tematico “Le Vie del Granito”, presso S.Piero, nel versante sud occidentale dell’Isola d’Elba.
Cosa: insediamenti preistorici, antiche cave di epoca Romana e Medioevale, la pieve Romanica di San Giovanni ed il “Mulino di Moncione”, maestosa testimonianza della passata vocazione agricola dell’area , circondati da macchia mediterranea e sotto l’occhio vigile degli animali protagonisti di questo ambiente, mufloni, cinghiali, fagiani e pernici,
come: a piedi

2) Le antiche Cave Romane
dove: nei sentieri del parco tematico “Le Vie del Granito”, presso S.Piero, nel versante sud occidentale dell’Isola d’Elba
Cosa: le antiche cave di epoca Romana, le zone di estrazione e le numerosissime colonne, alcune semplicemente sbozzate, altre complete fino a capitello; le tecniche di estrazione e trasporto (con l’ausilio di pannelli descrittivi)
come: a piedi.

3) La Cava Moderna
dove: nei sentieri del parco tematico “Le Vie del Granito”, presso S.Piero, nel versante sud occidentale dell’Isola d’Elba, all’interno di una delle cave di granito ancora attive, la cava Beneforti
Cosa: la millenaria tradizione degli scalpellini Elbani. Le antiche tecniche di lavorazione accanto a quelle moderne; tutte le fasi del lavoro, dall’estrazione al prodotto finito, il ruolo fondamentale dei fabbri, veri e propri maestri nella lavorazione degli utensili di ferro.
come: a piedi.

Il mondo contadino

1) La valle di Pomonte
dove: nel versante occidentale dell’Isola d’Elba, all’interno della valle di Pomonte
Cosa: gli infiniti terrazzamenti, chiamati “saltini”,testimonianza di vigneti, in gran parte ormai abbandonati, per secoli unica fonte di reddito di questa zona dell’Elba.
Tra i ‘saltini’ (terrazzamenti costruiti con la tecnica del muro a secco) che hanno modificato la morfologia della valle, le vecchie mulattiere ed i numerosi“palmenti”,, si rivive la vita dei contadini della valle.
come: a piedi.

2) I Castagneti del Marcianese
dove: nella zona nord occidentale dell’Isola d’Elba, presso Marciana
Cosa: i castagneti del Marcianese, che per secoli sono stati una importante risorsa economica, i boschi di leccio, con ancora evidenti le tracce delle carbonaie e le sorgenti contornate di felci. Gli ingegnosi sistemi per la regimazione delle acque ed il sistema ecocompatibile dell’economia contadina Elbana.
come:: a piedi e in mountain bike.

3) La Carbonaia
dove: nella zona nord occidentale dell’Isola d’Elba, presso Marciana
Cosa: Costruzione e funzionamento di una carbonaia: i ragazzi, con l’aiuto delle guide e dei vecchi Carbonai Elbani, ricostruiscono e fanno funzionare una Carbonaia seguendo le tecniche tradizionali (per sviluppare completamente questo progetto bisogna realizzare almeno sette uscite).
come: a piedi.

L’Ecosistema Montano

1) Il Monte Capanne
dove: nel massiccio del M.Capanne
cosa: le piante e gli animali della Montagna Elbana. Un panorama fantastico che domina tutta l’Elba ed in caso di buona visibilità anche la Corsica, il Continente e le altre Isole dell’Arcipelago Toscano.
come: a piedi.

2) I Pastori Elbani
dove: nel massiccio del M.Capanne
cosa: i sentieri che si snodano intorno alla grande montagna, ,frequentati dai pastori Elbani fino a poche decine di anni fa. I chiusi e i caprili in pietra, testimonianza inamovibile della vita dei pastori, protagonisti di questi magnifici luoghi, dove oggi prosperano indisturbati gli eleganti Mufloni.
come: a piedi.

L’ecosistema urbano

1) Le fortificazioni Medicee di Portoferraio
dove: Portoferraio
cosa: il più imponente sistema difensivo del mediterraneo, capolavoro di ingegneria bellica ed urbanistica,, dove già nel lontano 1548 erano stati risolti brillantemente i problemi di approvvigionamento idrico; le piante e gli animali che si sono adattati ad un ambiente costruito dall’uomo.
Come: a piedi.

2) I Borghi antichi
dove: S.Piero e S.Ilario
Cosa: i piccoli paesi fortificati Elbani, con le loro caratteristiche architettoniche tipiche, fatte di vicoli stretti, lastricati, le volte e le case addossate l’una all’altra, le chiese bastionate, la loro storia antica e ricca di tradizioni
come: a piedi.

3) Le Marine
dove: marciana Marina e Marina di Campo
Cosa: i paesi costruiti sulla costa, le origini antiche ed il loro sviluppo legato al turismo, elemento importante per l’economia ma troppo spesso capace di modificare ed alterare le identità territoriali, i modi di vivere e le abitudini tipiche dei luoghi dove esso si diffonde
come: a piedi.